Dimensione Carattere: [+] | [-] Visualizzazione: [S]tandard | Solo [T]esto | Ipo [V]edenti
Italiano English Deutch

INFORMAZIONI

CHI SIAMO ASPETTI NORMATIVI REGOLAMENTI BANDI E GARE AUTORIZZAZIONI CONCORSI GIOCHI E CONCORSI TURISMO COME RAGGIUNGERCI CUSTOMER SATISFACTION INFORMAZIONI TURISTICHE RECAPITI

SERVIZI

ESPLORA I FONDALI AQUARIUM PESCA PROFESSIONALE NOLEGGIO CROCIERA CANTIERI NAVALI PORTI EDUCAZIONE AMBIENTALE PESCA-TURISMO ATTIVITÀ SUBACQUEE

DOCUMENTI

STUDI E PUBBLICAZIONI GEO E STORIA CARTOGRAFIA MORFOLOGIA E AMBIENTE

NOTIZIE

EVENTI NEWS FOTOGALLERY RASSEGNA STAMPA

COMMUNITY

REGISTRATI GADGET CONTATTACI F.A.Q. CARTOLINE WEBMAIL








Area Marina Protetta 'Capo Rizzuto'

L’Area Marina Protetta "Capo Rizzuto" rappresenta il proseguimento nelle acque del Mar Ionio delle propaggini più orientali della regione Calabria e più precisamente dell’area conosciuta come Marchesato.
L’entroterra è costituito da un blando sistema collinare che si stende dalle pendici della Sila fino al mare con altezze che raramente superano i 300 metri s.l.m. . I corsi d’acqua sono relativamente pochi e caratterizzati da bacini idrografici limitati, che nulla hanno a che fare con il sistema idrografico che, prendendo origine dalla Sila, delimita con i due corsi d’acqua Neto e Tacina l’area del Marchesato rispettivamente a Nord e ad Ovest.
La zona costiera è caratterizzata dall’alternarsi di promontori e golfi più o meno ampi.
Da Nord: Capo Colonna, Capo Cimiti, Capo Rizzuto, Le Castella rappresentano le digitazioni a mare della regione e racchiudono, all’infuori dell’area compresa fra Capo Cimiti e Capo Rizzuto, caratterizzata da una costa per lo più rettilinea, ampie insenature per lo più con spiagge basse e sabbiose. Solo nell’area compresa fra Capo Rizzuto e Le Castella è presente una piana costiera relativamente estesa.
La geologia dell’intero Marchesato è costituita da sedimenti e rocce di età Plio-Pleistocenica. Si tratta in particolare di argille marine plio-pleistoceniche a cui si vengono a sovrapporre sabbie e conglomerati anch’essi marini attribuiti al solo Pleistocene. Nella piana prima descritta tali depositi sono sormontati da depositi olocenici eolici.
L’intera regione appartiene al settore calabrese settentrionale dell’Arco Calabro limitato a Nord dal fascio delle strutture Sangineto-Basso Crati (ad andamento ENE-WSW) e a S da quello di Catanzaro (ad andamento E-W). Quest’ultime strutture sembrano proseguire con un sistema di faglie sinistre nel Mar Ionio. In generale si può affermare che l’intera area ha subito fenomeni di abbassamento durante il Pliocene e fino al Pleistocene inferiore, per poi risultare soggetta ad un graduale e relativamente veloce sollevamento.
La morfologia sottomarina è caratterizzata dal proseguimento in mare delle strutture della terra ferma, risultando perciò estremamente diversificata. Tratti di piattaforma continentale relativamente estesi si succedono ad aree a maggiore pendenza con la piattaforma decisamente ridotta in ampiezza. La piattaforma stessa e la scarpata risultano interessate in corrispondenza di Capo Colonna e di Capo Rizzuto dalle testate di due canyon sottomarini appartenenti al sistema di incisioni che interessano il margine occidentale dei bacini di Crotone e Capo Spartivento.
Il passaggio piattaforma scarpata (shelf-break) a seguito dell’articolata morfologia dell’area si presenta estremamente diversificato sia per quanto riguarda la profondità che il suo esatto riconoscimento.

La bati-morfologia dell'area marina protetta 'Capo Rizzuto'

L’indagine bati-morfologica della riserva è stata realizzata attraverso l’interpretazione di profili Side Scan Sonar con range compreso fra 300 e 600 metri realizzati nella fascia compresa fra le isobate –10 e –100 metri. I profili, 77 perpendicolari alla linea di costa e 3 paralleli alla medesima, hanno prodotto una serie corrispondente di sonogrammi analogici che opportunamente digitalizzati tramite scanner ad alta risoluzione sono poi stati processati con un software messo a punto dal Laboratorio di geo-informatica dell’unità locale di ricerca del CoNISMa del Dipartimento di Scienze Geologiche e Geotecnologie dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.
Il programma di elaborazione attraverso l’interazione con i dati relativi alla navigazione (posizione, angolo di rotta ecc. ecc.) opportunamente inseriti in un data base ha consentito di poter riprocessare le immagini ricostruendole in quella che era la loro originale forma durante l’acquisizione. I profili cosi ottenuti sono stati poi utilizzati per la costruzione di un fotomosaico complessivo dell’area suddiviso in 10 Zone in parte fra loro opportunamente sovrapposti con scala 1:5000.
Il fotomosaico delle singole Zone è stato poi importato e georeferenziato utilizzando il programma AutoCAD Map 3 di Autodesk che è servito per la realizzazione grafica delle carte bati-morfologiche. Nel corso di questa fase di interpretazione i dati SSS sono stati integrati con i profili S.B.P. realizzati nello stesso numero e in concomitanza dei profili SSS, utilizzando un trasduttore da 3,5 KHz collegato con un registratore analogico. Infine 33 immersioni, lungo profili scelti in base ai primi risultati dell’indagine SSS, utilizzando un piccolo R.O.V., hanno permesso insieme a 20 campioni prelevati lungo 4 transetti costa-largo (10-100 metri) in aree particolari della riserva, di poter meglio delineare le caratteristiche morfologiche dei fondali individuate tramite il survey geofisico.
La morfologia del fondo è stata poi rappresentata utilizzando la simbologia di Meinesz et al. (1983), solo in parte modificata. In particolare sono stati evidenziati e descritti i substrati rocciosi ed i substrati mobili. Nel Piano Infralitorale i substrati rocciosi sono stati suddivisi sulla base del ricoprimento vegetale (alghe fotofile o Posidonia oceanica); nel Piano Circalitorale, sono stati indicati semplicemente come substrato roccioso.
Per quanto riguarda i substrati mobili si sono evidenziate le loro principali caratteristiche tessiturali e là dove erano presenti sono stati riconosciuti i ricoprimenti vegetali dovuti o a Cymodocea sp. o Posidonia oceanica. Relativamente a quest’ultima ed ai suoi biotopi si sono differenziati: Posidonia oceanica su matte, mosaici di Posidonia oceanica e matte morta (Posidonia degradata), matte morta, Posidonia oceanica su sabbia e come prima descritto su roccia. Inoltre sono state indicate fra parentesi le biocenosi presenti nei diversi biotopi.

A.M.P. CAPORIZZUTO

Forse hai disattivato JavaScript o hai una vecchia versione di Adobe Flash Player.
Scarica la versione di Flash Player pił recente.
Ingrandisci


FOTOGALLERY

Fotografia

METEO

sereno
sereno
Data 13/05/2011
Temp. 13° - 25°
Umidità 40%
Vento vento moderato vento moderato
Direzione sud ovest sud ovest
Mare calmo calmo

LINK UTILI

Estate nei Parchi 2011 Estate nei Parchi 2011
Regione Calabria REGIONE CALABRIA
Comune di Crotone COMUNE DI CROTONE
Comune di Isola di Capo Rizzuto COMUNE DI I. DI CAPORIZZUTO
Parks.it PARKS.IT
H2O Project H2O PROJECT
Life Comebis LIFE COMEBIS
S.O.S. TARTARUGHE S.O.S. TARTARUGHE
admin | mappa | credits | note legali | rss
Copyright 2008 - Area Marina Capo Rizzuto - Provincia di Crotone - Tutti i diritti riservati
[ W3C HTML 4.01 ] [ W3C CSS ] [ W3C WAI-AAA ]
ERRORE: Non riesco a connttermi a MySQL! Controllare config.php .